Ceriano Laghetto ricorda le Vittime di Odessa

A cinque anni dalla strage del Palazzo del Sindacato di Odessa, Ceriano Laghetto ha ricordato le vittime di quel massacro con una cerimonia partecipatissima, intima e molto sentita.

 A cinque anni dalla strage del Palazzo del Sindacato di Odessa, Ceriano Laghetto ha ricordato le vittime di quel massacro con una cerimonia partecipatissima, intima e molto sentita.

Dopo la lettura dei 46 nomi delle vittime, con il picchetto d’onore militare e le autorità intervenute, dopo un sentito “Silenzio d’ordinanza” suonato dal trombettista, è stata deposta una corona da parte dell’amministrazione comunale posta dal Sindaco Dante Cattaneo davanti alla scultura disegnata dallo scrittore Nicolai Lilin, monumento in pietra e ferro raffigurante una fiamma da cui prende forma una colomba, realizzata da alcuni artigiani veneti e donata dall’associazione interculturale Ottavo Continente.

 

A seguire il soprano Kim Jae Hee Bravi docente dei corsi civici “La Città Sonora” ha eseguito due toccanti brani lirici, “Lascia ch’io Pianga” di Handel e il “Panis Angelicus” di Franck

 

La Poetessa Rossella de Cicco ha dedicato e letto una bellissima poesia composta per vittime di Odessa.

 

Alla commemorazione, oltre alla giunta comunale ed al sindaco, erano presenti cittadini cerianesi e sostenitori degli autonomisti filorussi, che si sono ritrovati nel piazzale Martiri di Odessa.

 

Alla fine, come da tradizione, un ricco buffet offerto alla cittadinanza.

 

 

 

ONETV, la televisione dell’Alto Milanese, unica emittente televisiva locale presente alla manifestazione e vicina ai Cerianesi, trasmetterà Giovedi 9 maggio alle 21.00 – all’interno di uno “Speciale ONETV” particolare, più lungo del previsto e ricco di eventi del prossimo fine settimana – le immagini della Commemorazione.

ONETV canale 112 del digitale terrestre e in streaming su www.onetvnbc.it

 

 

Primiano Mandunzio

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui e ricevi gratuitamente i nostri ultimi articoli via email
Potrai cancellarti quando vuoi
Commenti