Referendum e Petizioni in città

11951127_910797822300810_787922880480417252_nNel week-end trascorso in città il Movimento 5 Stelle con un banchetto in Piazza della Croce ha raccolte le firme a sostengno della petizione popolare “No ai Rifiuti fuori Regione” promossa dalla “Rete Rifiuti Zero Lombardia”.

La petizione chiede di stralciare l’art 35 del decreto Sblocca Italia che definisce gli inceneritori come “infrastrutture strategiche di preminente interesse nazionale”, e che prevede per gli inceneritori lombardi un bacino di conferimento non più limitato a livello locale, bensì a livello nazionale.

Per questo la petizione chiede di cancellare l’art. 35 e riformulare un nuovo articolo che disponga:

  • la realizzazione di impianti che permettono di chiudere il ciclo dei rifiuti recuperando materia ed avviare il percorso di Rifiuti Zero su tutto il territorio nazionale.
  • il trattamento dei rifiuti differenziati e indifferenziati all’interno del bacino regionale in cui vengono prodotti, eliminando l’inquinamento ambientale derivante dal trasporto dei rifiuti prodotti fuori regione.

Presso l’Ufficio Relazione con il Pubblico del Comune di Garbagnate Milanese sono invece disponibili i moduli per la raccolta firme a sostegno dei Referendum proposti dal comitato “Possibile” sostenuto dall’ex esponente PD Giuseppe Civati.

I quesiti abbracciano quattro grandi temi:

  • la democrazia e la sovranità popolare
  • la riconversione ecologica dell’economia
  • la tutela dei diritti dei lavoratori
  • la tutela della docenza e dell’apprendimento
Temi che secondo in promotori “affrontano e mettono un freno alle storture legate alla riforma elettorale, al Jobs Act, allo Sblocca Italia e le grandi opere, alla riforma sulla scuola.”
I moduli saranno disponibili per le firme fino al 26 Settembre negli orari di apertura del Comune.
Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui e ricevi gratuitamente i nostri ultimi articoli via email
Potrai cancellarti quando vuoi
Commenti