Buongiorno Pellegatta

981
Foto di DocteurCosmos

Dopo un po’ di tempo tornano due appuntamenti che stanno diventando consueti per i garbagnatesi: il giornalino comunale nella cassetta della posta e l’Assessore e Portavoce del Pdl locale Pellegatta sul Notiziario.

Sembra quasi che Pellegatta scriva sul Notiziario perchè non trova spazio sul giornalino, un po’ come l’opposizione.

Nell’ultimo numero del giornalino c’è allegato il foglio informativo e illustrato su come fare una corretta raccolta differenziata dei rifiuti a Garbagnate. Finalmente! Alessandro sarà contento visto che ha chiesto informazioni al riguardo da tanti mesi senza risposte e come lui tanti altri garbagnatesi. Una buona notizia, anche se ci sono voluti 2 anni.

L’ultima lettera di Pellegatta si spinge oltre la precedente e termina con la minaccia di abbandonare tutto se i suoi colleghi di maggioranza non tornano ad una poltica dei valori e della condivisione. Mi chiedo se ci sia anche un dialogo con i colleghi oltre il giornale. Perchè minacciare attraverso il giornale? Spero che Marone non tiri fuori anche questa volta un comunicato stampa standard prestampato, da compilare con i nomi, per dire che va tutto bene.

Per la cronaca, anche il Consiglio Comunale di oggi è andato deserto. Da ormai qualche mese all’Ordine del Giorno ci sono da discutere e votare il centro alberghiero della Fornace Maciachini e il palazzo di 10 piani di via Varese e come sfondo rimangono sempre i fatti legati ad area Alfa Romeo e area via Montenero. Questi interventi non piacciono ad alcuni consiglieri di maggioranza che si sono astenuti dal voto o si sono assentati. Per paura di perdere la maggioranza e ottenere una votazione negativa ai due progetti, gli altri consiglieri di centrodestra hanno preferito abbandonare l’aula e far mancare il numero legale, bloccando di fatto i lavori del Consiglio Comunale anche su tante altre cose che andrebbero discusse e votate per amministrare Garbagnate.

Un esempio è quanto accaduto nel Consiglio precedente, dove non votando entro il termine stabilito Garbagnate non ha applicato nessuna restrizione all’applicazione del disastroso Piano Casa del Governo e peggiorato dalla Regione Lombardia. Si poteva decidere di non applicarlo nell’area Parco delle Groane o in zone già densamente abitative, ma invece no.

Mi chiedo se a questo punto non sia il caso che i consiglieri di maggioranza non tornino a fare quello per cui sono stati eletti e quindi fare presenza e votare secondo propria coscienza. Questo permetterebbe a Garbagnate di avere un’amministrazione che funziona, anche con una maggioranza che ogni tanto perde. Non sarebbe un disastro per Garbagnate. Stesso discorso vale per Pellegatta.

Il prossimo Consiglio Comunale dovrebbe svolgersi tra una settimana nella speranza che qualcosa si sblocchi.

 

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui e ricevi gratuitamente i nostri ultimi articoli via email
Potrai cancellarti quando vuoi
Commenti