Asst Rhodense: LA CHIRURGIA AL FEMMINILE, LA MEDICINA CHE CAMBIA

“La Medicina si tinge di rosa”: la presenza delle donne medico è in forte aumento e il sorpasso è già avvenuto in molte regioni italiane, pertanto non è più possibile ignorare tale realtà sanitaria.

I processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione risentiranno di una sanità dal volto nuovo, praticata e organizzata con uno sguardo femminile e questo potrebbe segnare una svolta foriera di cambiamento professionale significativo nelle politiche di gestione dei servizi sanitari.

Con questa forte motivazione la direzione dell’ASST Rhodense, ha organizzato un innovativo ciclo di convegni, dal titolo “LA CHIRURGIA AL FEMMINILE: la medicina che cambia”.

Questa iniziativa, stimolante e di spessore culturale, animata da operatrici sanitarie mediche e delle professioni sanitarie, utilizzeranno metodologie espositive in grado di stimolare l’interazione, mettendo in campo sapienza e la dote partecipativa che le donne sanno curare con  grande attenzione.

Il primo di questi convegni si terrà il giorno 22 gennaio 2018, dalle 9.00 alle 13.00,  presso l’auditorium del Presidio Ospedaliero di Garbagnate, ASST Rhodense, rivolto e accreditato per tutte le professioni sanitarie sul temaLa chirurgia prostatica al femminile” vuole valutare la forza e l’impatto della presenza delle donne nel  mondo della sanità e si propone di valorizzare la differenza di genere, discutere nuove metodologie di cura in grado di stabilire una relazione personalizzata che risponda efficacemente alle aspettative ai bisogni specifici del singolo paziente, con la consapevolezza dell’importanza delle differenze di genere degli operatori sanitari. All’apertura del convegno saranno presenti il direttore generale dell’Asst Rhodense Ida Ramponi, l’assessore al Welfare Regione Lombardia Giulio Gallera e Isabella Frigerio, presidente Associazione Women in Surgery Italia.

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti qui e ricevi gratuitamente i nostri ultimi articoli via email
Potrai cancellarti quando vuoi
Commenti